AMADOU DIAWARA

Il gol di Milik che ha dato il LA alla rimonta (NEWFOTOSUD RENATO ESPOSITO)

Nella prima vera domenica di primavera, il Napoli ospita il Chievo al San Paolo e al netto dei tuffi beneventani della capolista prova a tenere vive le speranze scudetto (ma si nominiamolo pure, proviamo una scaramanzia al contrario).

Sarri deve fare a meno di Albiol Jorginho squalificati e sostituiti rispettivamente da Tonelli e Diawara.

La prima occasione della partita la annotiamo al 16esimo ed è un destro al volo alto di Callejon su assistenza di Insigne. Dopo sei minuti è lo stesso Insigne a impegnare Sorrentino con un destro da fuori area. Il Napoli fa la partita, la squadra di Maran si difende con 78 uomini dietro la linea della palla.

Gli azzurri arrivano con facilità fino al limite dell’area, poi però diventa complicato abbattere il muro giallo.

In due minuti tra il 29 e il 31 ci provano prima Hysaj con un sinistro fuori e poi Hamsik che si vede ribattere il diagonale da Tomovic.

Il capitano ci prova ancora al 34esimo ma trova l’esterno della rete.

Nonostante la netta superiorità azzurra, a tratti sembra di rivivere la partita col Sassuolo, con quella lieve sensazione di uallerite acuta che sembra aver preso i nostri avanti.

Un diagonale sinistro di Insigne, dopo una pregevole azione personale, si spegne ancora sull’esterno della rete al minuto 37, mentre sul finire la migliore occasione capita sui piedi di Martens che però non riesce a girare con forza da buona posizione dopo un filtrante del compagno col 24.

Fine primo tempo.

La ripresa comincia sotto buoni auspici, perché dopo un sinistro di Insigne parato da Sorrentino al minuto 47, al 49esimo conquistiamo un calcio di rigore con Mertens. Il nano belga però decide che dobbiamo ancora soffrire e si fa parare il penalty. Grazie Dries, soffriamo con te.

Sull’angolo scaturito dal rigore in area succede di tutto, Sorrentino salva su un colpo di testa di Mertens, sulla respinta del portiere tirano in tremila verso la porta ma niente, il muro giallo regge.

Il Chievo per la prima volta dall’inizio del match arriva dalle parti di Reina al 60esimo producendo un quasi gol annullato per fuorigioco.

Minuto 61 tiro senza salute di Hamsik.

Proprio il capitano al 64esimo esce per far posto a Milik.

Il nuovo entrato va vicino al gol al 69esimo. Lancio di Insigne nello spazio per il 99 che arriva in area e per poco non riesce a superare il portiere in uscita.

Passa un minuto e Sarri inserisce Zielinski per Allan. Adesso la trazione è super offensiva.

Al 72esimo la doccia fredda che più fredda non si può. Koulibaly e Tonelli la combinano grossa, Giaccherini recupera palla sulla trequarti e scarica per Stepinski che di sinistro batte Reina. 0-1.

Altro segno negativo del destino al 75esimo. Angolo di Callejon stacco perfetto di Tonelli, solo parte alta della traversa.

A 10 dalla fine Sorrentino è reattivo su un buon giro di Insigne.

Il San Paolo non vuole vedere gli azzurri mollare e prova a sostenerli con generosità.

Minuto 82, scarico di Callejon per Zielinski che per poco non trova lo specchio con un sinistro potente dai 25 metri.

Minuto 84 palla dentro di Zielinski per Insigne che va al centro da Milik anticipato da Bani sotto porta con Sorrentino battuto.

Minuto 85 grande taglio di Lorenzo per Callejon, Josè non riesce a controllare sotto porta.

Minuto 89 afammocc! Lancio perfetto di Insigne per Milik che di testa finalmente batte Sorrentino. 1-1.

Minuto 92 miracolo di Sorrentino.

Minuto 93 AMADOU DIAWARA! AMAODU DIAWARA! AMADOU DIAWARA!

#ForzaNapoliSempre

 

 

About the author

Sociologo, fotografo, amante della musica e chitarrista occasionale. Napoletano "nato in casa", contagiato da quella bellezza tutta partenopea, contraddittoria e spontanea, che si è trasformata, nel tempo, in incessante ricerca visiva. Per Idea Napoli cura la rubrica “Fuori Cronaca”.

Potrebbero interessarti

JOIN THE DISCUSSION

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.