Luoghi non comuni

.

Author Archive: Deborah Divertito

Abbiamo un sogno nel cuore

Dai, che ci avevate creduto anche voi che era finita a Milano, con quella manona di Donnarumma a negare il compimento del secondo miracolo al 93° in una settimana. E via il sogno che dura da...

Il cuore al posto dei piedi

Come si fa a scrivere un articolo su una partita così? Facile, non si può. O, meglio, non puoi farlo con la logica e l’equilibrio, devi farlo col cuore e con il flusso di emozioni. E, per questo,...

Vi racconto la leggenda del pallavolista volante

“Ho conosciuto centinaia di atleti. Alcuni vincenti, altri perdenti. La differenza? I vincenti trovano soluzioni. I perdenti cercano alibi.” Lo diceva Julio Velasco, l’allenatore della...

Abbiate fede

Domenica a lavoro, pioggia a dirotto dalla mattina, io col giubbino di pelle e non chiedetemi perché, il Napoli a 5 punti dalla Juve ribaltando lo scenario che avevamo prima dell’ultima in casa,...

L’umanità, il lato positivo di Napoli-Roma

Doveva essere e non è stata. E’ vero. La serata del distacco, quella delle conferme, quella della gioia e della volata. Ci poteva stare un arresto della Juve a Roma con la Lazio e ci poteva stare...

Scusate, per Lipsia di qua?

Bergamo Orio al Serio, + 5. Accettabile. Questo è il clima con cui partiamo per la nostra trasferta europea. Un po’ come le barzellette, e non è un paragone casuale, siamo io, che manco in Europa...

Emozioni da tre punti

Archiviata la prima parte della s-qualificazione di Europa League, siamo pronti per un bel bagno di umiltà con la Spal. Non perché non sia contenta della prestazione, eh! Anzi, massimo risultato e...

Dopo la grande bellezza, la grande tristezza.

Non che non fosse già stata preannunciata in tutti i modi. I giornalisti, i tifosi, lo stesso Sarri, tutti sapevano che questa partita non l’avremmo vinta, o, comunque, non avremmo convinto. La...

Il Napoli e l’educazione alla bellezza

Ritorno dal San Paolo dopo mezzanotte, senza voce, con un livido in petto per qualche botta ricevuta durante l’esultanza del primo goal, liberatoria, esagerata ma giusta allo stesso tempo. Torno...

L’azzurro è l’unico colore che fa la differenza

Quando torni allo stadio dopo la sosta e dopo che hai perso per influenza la partita col Verona, non sei in crisi d’astinenza. Di più. Se poi ci mettete che si gioca il giorno dopo che qualcuno...