Luoghi non comuni

.

Brutti (per una volta) e vincenti


Uagliu’ fujimm’! (foto articolo e copertina ANSA/ALBERTO LANCIA)

La 14esima giornata di campionato vede il Napoli impegnato in trasferta in casa dell’Udinese. Per affrontare la squadra di Oddo, al suo esordio sulla panchina bianconera, Sarri sceglie di affidarsi a Chiriches in luogo di Albiol e, viste le non perfette condizioni di Mario Rui, manda Maggio sulla sinistra con Hysaj sul lato opposto. Il resto della formazione lo conoscete più che bene.

La partita si apre con un’incursione in area di Hamsik al primo minuto, conclusa però con un tiro strozzato. I padroni di casa rispondono con Fofana che va lontanissimo dai pali di Reina.

La partita è molto combattuta con l’Udinese che pressa appena può i portatori di palla azzurri e ne accelera oltremodo le giocate, causando qualche stonatura di troppo all’orchestra del maestro Sarri. Gli spazi per gli avanti del Napoli sono davvero pochi allora ci prova Mertens ad infilarsi, letteralmente, tra le maglie della difesa bianconera al 15esimo e viene steso da Danilo a pochi metri dal limite dell’area. Lo stesso nano belga sulla punizione seguente centra le gengive di uno dei componenti della barriera.

Al 25esimo è attento Koulibaly a liberare l’area dopo un’iniziativa di De Paul.

Poi però come spesso succede in questi casi è un episodio a sbloccare la gara. Minuto 32, l’azione si sviluppa sulla destra dell’area con Allan che prova a inserirsi e viene fermato da Samir, a supporto del compagno arriva Maggio che brucia lo stesso 3 di Oddo e viene steso. Rigore netto.

Dal dischetto va Jorginho che calcia una chiavica, Scuffet para ma non trattiene e sulla ribattuta il nostro 8 rimedia e fa 1-0.

Il Napoli chiude in crescendo, ma non troppo, un primo tempo complicato.

Nella ripresa subito da segnalare un bellissimo ripiegamento difensivo di Maggio che chiude su un tiro di Perica al 50esimo.

Il Napoli risponde con un’azione insistita della coppia Insigne – Mertens col belga che non riesce a far arrivare il pallone ad Hamsik appostato al centro dell’area.

La partita resta intricata.

Al 68esimo Reina ferma un sinistro di Barak e burattini in due tempi.

Tre minuti dopo arriva la prima mossa di Sarri che manda in campo Diawara per Jorginho.

Al minuto 74 buona occasione per Callejon che si vede dire di no da Scuffet che gli blocca un destro al volo da ottima occasione.

Entra anche Zielinski per Insigne. Siamo a tredici dal termine.

Hamsik, “sfuggito” alla sostituzione per Zielinski, esce all’83esimo per fare posto a Rog.

In pieno recupero Reina mette il sigillo sui tre punti bloccando a terra un sinistro di Barak.

Niente, è stata forse la partita più brutta del campionato. Però l’abbiamo vinta e questo può bastare.

#ForzaNapoliSempre

 

 

Reviews

  • Total Score 0%
User rating: 0.00% ( 0
votes )


Sociologo, fotografo, amante della musica e chitarrista occasionale.
Napoletano “nato in casa”, contagiato da quella bellezza tutta partenopea, contraddittoria e spontanea, che si è trasformata, nel tempo, in incessante ricerca visiva. Per Idea Napoli cura la rubrica “Fuori Cronaca”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *