FuoriCronaca: sul primo gol Higuain ha la macchina parcheggiata sulle strisce blu senza grattino

 

Nonostante l'ausiliario del traffico, Higuain non sbaglia il rigore.

Nonostante l’ausiliario del traffico, Higuain non sbaglia il rigore.

Allo stadio San Paolo di Fuorigrotta va in scena Napoli-Genoa, “Monday Night” che chiude la ventesima giornata di serie A. Il Napoli prova a raggiungere il terzo posto in solitaria, mentre il Genoa…cosa? come dite? Ah già ma questa è FuoriCronaca, scusate stev’ scrivendo troppo “impostato”. Pronti via e Higuain fa capire a tutti ca’ sta ‘e genio con un dribbling a centrocampo ai limiti del codice penale. L’avvio è tutto del Napoli, il portiere del Genoa dalla acconciatura improbabile si vede arrivare maglie azzurre da tutti le parti, tanto che a fine partita Aurelio gli propone il remake di un famoso b-movie di Alvaro Vitali, “Perin contro tutti”. Al settimo il Napoli è già in vantaggio. Destro di Callejon, “belli capelli” non trattiene e Higuain mette la palla in rete di testa da pochi passi. Per dovere di cronaca segnaliamo che Higuain al momento del tiro di Callejon ha la macchina parcheggiata sulle strisce blu senza grattino. Il Napoli continua a spingere sull’acceleratore trascinato dal suo numero 9, ma anche Hamsik e De Guzman sono in serata. Lo slovacco confeziona un assist al bacio per l’olandese. Il numero 6 arriva solo davanti a Perin ma non gradisce l’omaggio di Marek e esclamando “Eh si io poi baciavo a lui!”, con un pallonetto che nemmeno a Santa Lucia mette la palla sopra la traversa. Il Genoa non ci sta. Nel senso ca nun se vede proprio. Però al 40esimo Antonelli liberato da una magia di Perotti potrebbe pareggiare, ma Rafael fa a tempo a posare la corona del Rosario sul comodino e si fa trovare pronto per la parata.

Secondo tempo.

Il Napoli parte di nuovo con il piede sull’acceleratore e potrebbe subito raddoppiare. Al 4’ De Guzman mette a sedere Roncaglia, Perin, un raccattapalle e due Ultras della curva A, però sul sinistro a porta vuota Burdisso noncurante dell’artrosi che lo affligge, si lancia in spaccata e salva la porta. Albiol e Koulibaly non vengono impensieriti dagli avanti genoani e quindi si addormentano. I rossoblu ne approfittano e complici David Lopez e Inler, che nel frattempo stavano prendendo le coperte ai compagni, con un confetto Falque purgano il Napoli. 1-1 Il Napoli fortunatamente riprende ad attaccare e con Callejon colpisce anche una traversa. Benitez decide di aggiungere ulteriore verve alla sua squadra e al 71esimo inserisce al posto di De Guzman il gioviale, ilare e festoso Gabbiadini. Dopo un minuto su un cross dalla sinistra Kucka spinge Higuain in area. Rigore! Per dovere di cronaca segnaliamo che nel frattempo alla macchina di Higuain hanno messo le ganasce. L’argentino non si fa distrarre dall’ausiliario del traffico che gli vuole consegnare la multa, e fa 2-1 Null’altro da segnalare fino al 90esimo.

Il Napoli controlla e così porta a casa tre punti che gli permettono di raggiungere il terzo posto in solitaria (aggio accumminciato “impostato” e accussì aveva fernì).

 

Angelo Orefice

About the author

Sociologo, fotografo, amante della musica e chitarrista occasionale. Napoletano "nato in casa", contagiato da quella bellezza tutta partenopea, contraddittoria e spontanea, che si è trasformata, nel tempo, in incessante ricerca visiva. Per Idea Napoli cura la rubrica “Fuori Cronaca”.

Potrebbero interessarti

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.