“Gli aspetti irrilevanti”: un collage di storie firmato Paolo Sorrentino

Ci sono due tipi di passione. Una non mi piace, l’altra non m’interessa.

Gli aspetti irrilevanti: un collage di storie

Capita che mentre leggiamo proviamo a ricreare nelle nostre menti i vari personaggi delle storie narrate con gli elementi che ci mette a disposizione l’autore o con il solo lavoro della nostra immaginazione. In questo libro (Gli aspetti irrilevanti, edizioni MondadoriPaolo Sorrentino ci facilita il compito perché partendo da una fotografia ci racconta tutto, o quasi, della persona in questione. Grazie alla collaborazione del fotografo Jacopo Benassi, lo scrittore e regista premio Oscar costruisce ben ventitré vite partendo da semplici fotografie e arrivando a raccontarci le loro vite fatte di gioie e dolori, tic e stranezze, abitudini e particolarità.

Quindi spazio ad Elsina Marone che ama vantarsi di avere la pressione bassa e a Linda Giugiù che quando è stato rinvenuto il suo cadavere hanno trovato sul suo corpo un tatuaggio che recitava non mi piacciono i tatuaggi. E che dire di Donna Emma che a vederla mai o poi mai si potrebbe pensare che è la donna più cattiva del mondo? Fa la portinaia in un palazzo di Napoli e tutto ciò che di cattivo esiste abita in lei. Il segreto di Antonella Costa è che non sa andare in bicicletta, non l’ha mai rivelato a nessuno perché se ne vergogna troppo, mentre quello di Valerio Affabile, camorrista, è che ama cantare, ma non lo farebbe mai davanti agli altri e nel tanto tempo libero che trascorre in carcere compone delle bellissime (a suo parere) canzoni neo-melodiche.

In una narrazione fatta di frasi brevi e all’apparenza confuse o meglio slegate tra loro Sorrentino ci fa conoscere le vite di queste persone senza tralasciare quegli aspetti irrilevanti che alla fine ci formano e ci caratterizzano. Non siamo solo il risultato di grandi azioni e buoni sentimenti ma anche di cose che possono sembrare inutili, di fobie assurde e di manie insensate. Di una persona l’ultima cosa che vorremmo sapere è se odia i picnic, o se è un grande risolutore di cruciverba, tanto meno se è un appassionato di utensili da cucina o odia i cipressi.

Alcuni ritratti imperdibili

Imperdibili infine i ritratti di Paride Bussolotti in cui lo scrittore sembra richiamare le lezioni di seduzione che aveva introdotto e argomentato nel suo primo romanzo Hanno tutti ragione, e quello di Settimio Valori, un regista amatoriale di filmini controversi, ritratto in cui è possibile scovare delle cose sull’autore stesso; non a caso la fotografia da cui parte la narrazione è quello di Sorrentino stesso.

Molti interessanti, alcuni divertenti, altri permeati di malinconia mentre altri più spensierati, tutti che formano un ottimo collage di storie, un imperdibile romanzo corale oltre che una bellissima galleria di volti da apprezzare.

About the author

Classe 1990, appassionata di editoria con la qualifica di consulente letterario. Nel Paese in cui tutti scrivono libri lei preferisce leggerli. Web writing, scrive di libri sul blog Gli Amabili Libri , collabora con diversi siti e divora serie TV americane. Tifosa del Napoli e amante della città di Napoli. Per Idea Napoli cura la rubrica “CopertiNa”.

Potrebbero interessarti

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.