Non abbiamo bisogno di aiuti

Negli ultimi anni è stata sempre una partita “impronosticabile” e anche questa volta non sembra fare eccezioni.

Napoli e Roma si affrontano per la 143esima volta in Serie A; gli uomini di Ancelotti con l’obiettivo di restare in scia alla banda bassotti, quelli di Di Francesco per provare a rientrare nel gruppo di testa.

Primo tempo.

Prima occasione del match al settimo, con Fabian Ruiz che inscena una discesa manco fosse a Madonna di Campiglio, salta mezza Roma, arriva in area, serve Insigne che si vede contrare da Manolas un tiro diretto a bersaglio grosso.

Un destro in drop di Dzeko al 14esimo di poco fuori è il preludio al vantaggio ospite che arriva dopo un minuto. Percussione dalla destra di Under palla al centro per El Shaarawy che approfitta di un buco difensivo, quasi ‘na voragine, e fa 0-1.

Da questo momento in poi comincia una partita a senso unico con gli azzurri in pressione a produrre occasioni e quasi occasioni da gol.

19esimo: sinistro potente di Milik deviato in volo da Olsen.

20esimo: sinistro di Hamsik deviato a terra da Olsen.

21esimo: colpo di testa di Milik palla di poco fuori. Olsen niente.

Il pallino del gioco continua a rimanere in mano agli uomini di Re Carlo che vanno al tiro con Hamsik al minuto 32, ma l’estremo giallorosso fa ancora buona guardia.

Al 35esimo si rivede in avanti la Roma con una buona occasione per Dzeko, prima fermato da una provvidenziale uscita di Ospina che gli sporca l’azione, e poi sul  prosieguo della stessa, da un miracoloso salvataggio di Albiol sulla linea.

Il primo tempo si chiude con un destro di Insigne fuori di poco.

Secondo tempo.

Venti secondi dall’inizio della ripresa e Napoli subito pericoloso. Solita apertura a memoria di Insigne per Callejon, Josè va al centro per Milik, lasciato solo dai difensori della Roma, ma Olsen è ancora reattivo e anticipa la traiettoria del pallone prima che arrivi sui piedi del 99 azzurro.

49esimo, ottimo spunto di Fabian sulla sinistra, scarico indietro per il Ruiz senza la z e destro che non trova lo specchio.

Lo spagnolo con la 8 ancora protagonista dalla stessa zolla tre minuti più tardi; cross al centro per Milik che non riesce a trovare la torsione di testa.

Al 54esimo segnaliamo un Allan dalle sembianze umane questa sera (e ci mancherebbe per carità) mentre al 55esimo arriva il primo cambio per Ancelotti; fuori Milik dentro Mertens.

58, angolo, tiro di Insigne deviato, angolo, 59, occasione per Callejon palo esterno, angolo, mammt!

Azione da manuale del calcio al 65esimo; Hamsik, Fabian, Hamsik, Insigne alto.

Adesso cominciamo ad essere in credito con la fortuna, o per dirla più semplice, ce vuless’ pure nu poco ‘e mazz’!

Secondo cambio per il Napoli a venti dal termine: fuori Hysaj dentro Malcuit e i suoi capelli.

Si cambia a destra ma gli azzurri continuano ade essere pericolosi a sinistra. Mertens dentro per Insigne che tenta la conclusione volante con esiti quasi comici.

72esimo, lancio chilometrico di Ospina per Callejon che va ancora al centro per Insigne anticipato da Manolas.

73esimo gol di Mertens. Fuorigioco. Mazzo dove sei?

Ancelotti cambia ancora quando manca un quarto d’ora al novantesimo: dentro Zielinski fuori Hamsik.

Adesso è un assedio. 78esimo, Insigne, collo interno palla sull’esterno.

Allan al minuto 81 dentro per Mertens che va in rete ancora in fuorigioco di poco. Mazzo, ciorta, vedete voi, ce serve nu poco ‘e chesta rrobba.

GOOOOOOOOOLLLLL!!!!!!!!! Alla fine il mazzo arrivò!!!

Minuto 89, Insigne per Zielinski per Insigne sulla sinistra; Lorenzo al centro per Callejon che mastica il sinistro, la palla però arriva sul secondo palo dove Mertens è lesto a insaccarla sotto la traversa. 1-1.

Finisce dopo 4 minuti di recupero, col Napoli che agguanta in extremis un pareggio e avrebbe meritato sicuramente qualcosa in più.

A noi non ci aiuta nessuno, e va bene così.

#ForzaNapoliSempre

(foto copertina Newfotosud, Renato Esposito)

 

 

 

 

About the author

Sociologo, fotografo, amante della musica e chitarrista occasionale. Napoletano "nato in casa", contagiato da quella bellezza tutta partenopea, contraddittoria e spontanea, che si è trasformata, nel tempo, in incessante ricerca visiva. Per Idea Napoli cura la rubrica “Fuori Cronaca”.

Potrebbero interessarti

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.