Pino è: un pensiero veloce sul concerto per Pino Daniele al San Paolo

Pino è: un pensiero veloce sul concerto per Pino Daniele al San Paolo

Le tue canzoni non le possono cantare tutti. Quasi nessuno, in verità. Su quel palco non mi aspettavo venissero valorizzate, anzi. Le tue canzoni sono tue.
Io non starò qui a sparare a zero su cantanti e attori che hanno scelto di essere al San Paolo per renderti omaggio. La qualità non è per tutti, a prescindere dalle canzoni di Pino Daniele. Se ti chiami Giorgia, Francesco De Gregori, James Senese, hai qualità. E si vede sempre.
Se invece ti chiami Alessandro Siani, ad esempio, potrai dire soltanto che “la musica si sente sul muretto al sole” e tutte quelle cazzate che mi fanno odiare Napoli piuttosto che farmela amare; se ti chiami, fammi pensare, Eros Ramazzotti, avrai qualità per cantare solo alcune canzoni, non ‘A me me piace ‘o blues.
Beh, ho detto che non avrei sparato a zero su nessuno, o quasi.
Il concerto al San Paolo è una bella cosa, perché le tue canzoni sono di tutti, anche di quelli che non le sanno cantare. Io nemmeno so cantarle, eppure non esiste un giorno della mia vita in cui non lo faccio.

A me, adesso, mentre sui social impazza la smania di parlare (a sproposito) di te e delle tue canzoni, di criticare Baglioni e Antonello Venditti, piacerebbe piuttosto sapere tu a cosa stai pensando: se stai ridendo, se stai piangendo, se trovi interessante lo spettacolo o se preferiresti cambiare canale.

Posso immaginare, comunque, che ti verrebbe da dire che a te interessa la musica, soltanto la musica. Non lo spettacolo che c’è intorno.

Pino è.

Pino sei. Sei, e sarai sempre, una delle realtà più interessanti che la mia città abbia saputo partorire. Sei, e sarai ancora per molto, una delle illusioni più dolci che questa posto abbia regalato ai suoi abitanti.

L’unica verità, per me, è questa.

E continuerò ad ascoltare le tue canzoni, anche cantate da altri e cantate male; continuerò a godere della tua eredità di napoletano illustre. Per sempre.

 

About the author

Giornalista pubblicista, amante delle parole scritte e della napoletanità pura. Sorride e si emoziona con i film di Totò e Troisi, sogna con la musica di Pino Daniele. Per Idea Napoli scrive "Racconti".

Potrebbero interessarti

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.