Ricominciamo da tre

Dopo il pareggio all’esordio in Champions contro la Stella Rossa il Napoli, ospite del Torino, si rituffa in campionato. Ancelotti cambia ancora, centrocampo a due con Hamsik e Rog, in attacco Verdi, Insigne e Callejon a supporto di Mertens.

Primo tempo.

Nemmeno il tempo di far partire le prime imprecazioni contro Dazn e il Napoli è già in vantaggio. Minuto 4, Luperto dalla sinistra al centro per Insigne, i due centrali del Toro si trasformano in bersagli di un flipper e accomodano la palla sul destro di Lorenzo che fotografa Sirigu con una chiandella sotto la traversa. 0-1.

Sull’onda del vantaggio gli azzurri continuano a spingere e dopo tre minuti è Verdi che va vicino al gol su assistenza di Mertens, ma Sirigu è bravo a chiudere in uscita.

Al nono ci vuole una spaccata di Izzo per fermare Insigne ad un passo dalla doppietta e al 15esimo una zuccata di Koulibaly impegna severamente l’estremo di Mazzarri che, come Nino D’Angelo, già è senza giacca e cravatta (veramente pure Ancelotti, pecché fa nu cavero ‘e pazz!)

Al ventesimo arriva finalmente il raddoppio. Triangolo larghissimo tra Verdi e Mertens, col nano belga che dalla sinistra ritorna dal numero 9 che al volo batte ancora Sirigu. 0-2.

Dopo il raddoppio il Napoli, complice forse il gran caldo, cala il ritmo e il Torino prende campo senza però essere mai pericoloso. Da qui alla fine resta da segnalare solo un dribbling di Ospina in area su Zaza. Ospì per piacere facc’ sta quieti.

Secondo tempo.

Ad inizio ripresa il Torino accorcia subito le distanze. Luperto commette un fallo ingenuo in area su Berenguer e Irrati concede il netto rigore. Dal dischetto Belotti spiazza Ospina. 1-2 al cinquantesimo con Ancelotti che manda in campo Zielinski per Verdi.

4 minuti, giusto il tempo di riprenderci dallo shock, e ristabiliamo la doppia distanza.

Break di Zielinski a centrocampo con conseguente progressione fino ai 20 metri. Scarico sulla destra per Callejon che controlla e calcia sul secondo palo centrandolo in pieno; sulla ribattuta Insigne è bravo e veloce a controllare col sinistro e a battere di destro. 1-3, doppietta per Lorenzo che fa 4 in 5 partite.

Subito dopo il gol entra Allan per Rog.

Il Torino prova di nuovo ad accorciare le distanze ma prima Albiol e poi Luperto chiudono sugli avanti granata.

Al minuto 72 ci prova Mertens, destro a giro deviato.

Un minuto dopo Luperto, che si era fatto male nell’intervento citato poco sopra, alza bandiera bianca e al suo posto Sir Carlo manda in campo Maksimovic che va sulla destra con Hysaj dirottato sulla mancina.

Il Napoli da questo momento in poi va col pilota automatico, facendo registrare qualche conclusione di Insigne e Hamsik, senza nulla a pretendere.

Nei cinque di recupero Allan va vicino al poker.

Finisce col Napoli in controllo tra gli olè dei duemila napoletani presenti allo stadio.

Ricominciamo da tre.

#ForzaNapoliSempre

 

About the author

Sociologo, fotografo, amante della musica e chitarrista occasionale. Napoletano "nato in casa", contagiato da quella bellezza tutta partenopea, contraddittoria e spontanea, che si è trasformata, nel tempo, in incessante ricerca visiva. Per Idea Napoli cura la rubrica “Fuori Cronaca”.

Potrebbero interessarti

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.