Rimandati al ritorno

Questa è “la partita”, non c’è bisogno di usare tante parole per presentarla.

Per la prima volta però negli ultimi anni, la vigilia in casa Napoli sembra particolarmente tranquilla con Ancelotti che, nella conferenza stampa pre-partita, è apparso molto rilassato.
Sir Carlo cambia ancora, tornando di fatto alla “vecchia guardia”, con il solo Ospina volto nuovo nella sfida contro i bianconeri.

Primo tempo.

Al minuto sei il primo brivido del match. Sinistro di Zielinski dal limite dell’area e palla che impatta sulla base del palo.

La Juventus risponde due minuti più tardi con un destro di Ronaldo che trova le mani di Ospina che si rifugia in angolo.

Al decimo un Napoli particolarmente aggressivo passa in vantaggio. Allan ringhia su Dybala e gli porta via il pallone sulla trequarti, palla subito dentro in area per Callejon sul filo del fuorigioco, Josè va di prima in orizzontale per Mertens che batte comodamente Szczesny. 0-1

La risposta della squadra di Allegri arriva al 14esimo ed è ancora nel destro di Ronaldo con Ospina che stavolta blocca con facilità.

Al 26esimo la Juve trova il pari. Ronaldo dalla sinistra salta Hysaj mette palla al centro e Mandzukic di testa fa 1-1.

Due minuti più tardi Ospina veste i panni di San Gennaro e compie un miracolo su una velenosissima punizione ancora del numero 7 bianconero.

Il Napoli torna dalle parti di Szczesny al 42esimo con Mario Rui che va alto di un soffio con un destro a giro, dopo una bella azione manovrata.

Finisce il primo tempo.

Secondo tempo.

Ad inizio ripresa c’è subito il vantaggio della Juve. 49esimo, Ronaldo da fuori area centra il palo di destro, Mandzukic raccoglie la respinta del legno e a porta vuota fa 2-1.

Il Napoli prova a scuotersi con un’iniziativa di Zielinski. Piotr dalla sinistra salta il diretto avversario e calcia forte al centro con Alex Sandro che anticipa Callejon sotto porta. Siamo al 52esimo.

Segnaliamo, per dovere di cronaca, una distribuzione dei cartellini gialli alquanto “sospetta”…

Al 56esimo Napoli vicino al pareggio con Mertens e Callejon in combo. Il primo cerca un destro a giro che l’estremo di Allegri non trattiene, il secondo non trova la ribattuta da pochissimi passi anticipato da Alex Sandro.

Al 58esimo doppio giallo per Mario Rui e Napoli in 1o, ma è il primo giallo del portoghese che grida vendetta.

Ancelotti che già aveva preparato il cambio per il portoghese manda in campo comunque Malcuit e Milik per Zielinski e Mertens.

Al 69esimo Sir Carlo completa il ventaglio dei cambi facendo entrare Fabian Ruiz al posto di Hamsik.

Due minuti dopo grande occasione azzurra. Ottimo lavoro di Insigne che va da Milik; il 99 lavora un ottimo pallone per Callejon che dal limite dell’area rientra sul sinistro e impegna severamente il codice fiscale che difende la porta dei padroni di casa.

Al 75esimo, nel momento che sembrava di ripresa degli azzurri nonostante l’uomo in meno, arriva il terzo gol della Juve con una deviazione di Bonucci sotto porta su azione d’angolo.

Il Napoli rischia ancora di subire al 77esimo ma Ospina è bravo a chiudere in uscita su Ronaldo.

Al minuto 88 un indomito Allan si guadagna una punizione dal limite dell’area che Insigne fa sbattere sulla barriera.

Finisce senza altre occasioni.

Una Juve brava, e…agevolata, batte un Napoli che ha fatto il suo ma non troppo.

Rimandati al ritorno.

#ForzaNapoliSempre

 

 

About the author

Sociologo, fotografo, amante della musica e chitarrista occasionale. Napoletano "nato in casa", contagiato da quella bellezza tutta partenopea, contraddittoria e spontanea, che si è trasformata, nel tempo, in incessante ricerca visiva. Per Idea Napoli cura la rubrica “Fuori Cronaca”.

Potrebbero interessarti

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.