Luoghi non comuni

.

Semplicemente perfetti


Il Muro Kalidou! (foto NEWFOTOSUD FRANCO ROMANO)

Prima del girone di ritorno per il Napoli che ospita il Verona di Pecchia. Anno nuovo azzurri di Sarri “vecchi” in un San Paolo pieno, riscaldato da una giornata stranamente primaverile.

Partenza sprint della capolista che al terzo crea lo scompiglio in area avversaria con una percussione dalla sinistra di Hamsik che per poco non trova Insigne davanti alla porta. Subito dopo lo stesso Lorenzo calcia dal limite trovando i pugni di Nicolas.

Al 12esimo il pericolo arriva da destra. Hysaj va sul fondo e scarica per Callejon che calcia forte parallelo alla linea di porta ma non trova compagni per la deviazione vincente.

Il Verona nelle intenzioni di Pecchia vorrebbe provare a imitare l’Atalanta cercando di bloccare il centrocampo azzurro ma, a differenza della partita di coppa, oggi il Napoli sembra di nuovo andare a mille.

Al 16esimo occasionissima! Cross di Insigne dalla sinistra con Nicolas che va a farfalle, sul secondo palo arriva Mertens che da posizione defilata centra la base del montante.

Sulla rimessa dint’ ‘a nu’ ditto e nu fatto (cioè ampress’ ampress’…insomma, in un istante, chiaro no?) il Napoli recupera il pallone e si rende pericoloso ancora con Mertens. Tunnel del belga al limite dell’area, arriva Insigne che ritorna da Dries che di punta spara addosso al portiere scaligero.

Minuto 21 giocata da manuale di Insigne. Controllo orientato su assist di Koulibaly che manda nei friarielli mezza difesa del Verona, palla sul destro e giro dal centro che finisce ad un soffio dal palo.

Al 25esimo destro di Allan dalla distanza, para facile il portiere.

Siamo solo a metà del primo tempo e immaginiamo che i giocatori del Verona vorrebbero essere ovunque tranne che al San Paolo.

Al 30esimo Insigne si divora un gol impossibile. L’azione si sviluppa sulla destra con Callejon che dal fondo mette dietro per Allan che di tacco va al centro dell’area per Lorenzo che da posizione comodissima calcia talmente alto ca’ fa cade’ ‘a Befana ‘a copp’ ‘a scopa.

Intanto al 39esimo un innocuo retropassaggio di Koulibaly ci permette di notare la presenza in campo di Reina, che fino a quel momento aveva approfittato della giornata tranquilla per mangiarsi due Kinder Bueno, un Mars e quattro Twix dalla calza che gli ha fatto la moglie.

Il Napoli chiude in pressione la prima frazione e allo scadere è Mertens che da buona posizione non trova la porta.

Nella ripresa la trama della partita riparte da dove si era fermata. Napoli in attacco e Verona a cercare di contenere.

Ci prova subito Insigne con una girata di destro al volo, respinge a terra Nicolas.

Al 55esimo movimento centrale di Hamsik ad attaccare l’area, Insigne lo vede e lo serve ottimamente, la girata di testa del capitano però è troppo debole.

Minuto 59 Allan recupera palla e lancia Callejon verso l’area, Mertens gli detta il movimento sulla corsa ma Josè va sul versante opposto da Insigne che di testa schiaccia e trova il secondo legno di giornata.

La supremazia del Napoli è imbarazzante, Reina se sta mangiann’ pure gli ovetti Kinder dei figli.

Al 65esimo arriva finalmente il gol. Calcio d’angolo di Mario Rui col mancino dalla destra, movimento a smarcarsi sotto porta e stacco perfetto di Koulibaly che buca Nicolas. 1-0.

Al 77esimo Sarri manda in campo Zielinski per Hamsik e un minuto dopo il Napoli raddoppia con un classico, l’azione Insigne-Callejon. Il 24 va sul fondo dalla sinistra e serve il 7 che lo aveva accompagnato sull’altra fascia. Il cross è perfetto il timing di Josè non lo diciamo nemmeno e Nicolas finisce in rete con tutto il pallone. 2-0.

Al 79esimo segnaliamo la prima palla gol per il Verona. Pazzini fugge ad Albiol, arriva in area e calcia. Reina fa a tempo a gettare l’involucro degli M&M’s e para senza problemi.

Sarri a cinque dal termine manda in campo quasi contemporaneamente Maksimovic per Albiol e Rog per Insigne.

In pieno recupero un grande intervento di Nicolas nega la gioia personale a Jorginho che aveva trovato un grande destro da fuori area.

Finisce qui e non c’è altro da aggiungere. Perfetti.



Sociologo, fotografo, amante della musica e chitarrista occasionale.
Napoletano “nato in casa”, contagiato da quella bellezza tutta partenopea, contraddittoria e spontanea, che si è trasformata, nel tempo, in incessante ricerca visiva. Per Idea Napoli cura la rubrica “Fuori Cronaca”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *