Un regalo in musica per natale: “Through the sky” di Anastasio

Natale si avvicina, e mi auguro che possa ancora resistere in qualcuno la bella abitudine di regalare un disco “fisico” a chi si vuole bene. Se volete un consiglio per gli acquisti disinteressato e di qualità vi propongo il disco di AnastasioThrough the Sky. Fermi tutti, l’artista di cui vi parlo non è il rapper già strafamoso vincitore di X Factor, bensì uno straordinario sassofonista napoletano, autore di un disco davvero bello e pieno di musicisti di altissima qualità.
Anastasio è al suo secondo lavoro discografico: dopo Che Soddisfazione (disco anch’esso ottimo,
che ripercorre alcuni brani di Pino Daniele in chiave “Sax Solo”) da pochi mesi ha visto la luce
questa creatura musicale che vive, come dice il titolo del disco, attraverso il cielo di due città, Los Angeles e Napoli.
Sono proprio questi due luoghi ad aver dato i natali a Through the Sky e rappresentano le fondamenta di un disco pieno di positività e buone vibrazioni, una rarità rispetto ai tempi grigi nei quali stiamo vivendo.
In particolare, dopo l’ascolto di Cicci and Bongy, a mio avviso il brano migliore, si ha davvero la sensazione di poter volare, di poter sentirsi ed essere migliori: ed è proprio questo che da un po’ non si sentiva più nella musica contemporanea.
Ad accorgersi della bravura di Enzo Anastasio non c’è ovviamente solo il sottoscritto (momento autocelebrativo finito, giuro): tantissimi musicisti di caratura internazionale hanno “fiutato l’affare” ed hanno deciso di collaborare alla realizzazione di questo disco. I nomi di David Garfield e Jimmy Earl da soli sono la garanzia che si sta ascoltando qualcosa di eccezionale, ma non ci sono solo loro: gli altri nomi li lascio scoprire a voi.
Come già menzionato prima per Cicci and Bongy, ma ciò vale per tutti i brani del disco, ascoltare Through the Sky equivale a compiere un viaggio in tante sonorità differenti: c’è il jazz nudo e crudo, il soul, tanto funky e tanto pop. Insomma, questo disco è la dimostrazione che i generi musicali non esistono, esiste solo la musica fatta con il cuore e quella fatta con il portafogli.
Non credo serva aggiungere altro: se volete viaggiare low cost e senza muovervi da casa, regalate e fatevi regalare questo disco (lo trovate negli store Feltrinelli). Se poi siete 2.0 cronici, potete trovarlo in tutti gli Spotify ed affini della rete.
Buon viaggio

About the author

Talmente tante vite alle spalle che oramai non le ricorda più. La passione più grande resta la musica e la scrittura in genere. Alla ricerca di se stesso negli occhi degli altri, e viceversa. Napoli nel DNA. Per Idea Napoli cura la rubrica “Napoletano Atipico”.

Potrebbero interessarti

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.