Luoghi non comuni

.

Un 2017 da record


“Afammocc!!!” (foto articolo e copertina ANSA/ALBANO ANGILLETTA)

L’Ezio Scida di Crotone è il teatro dell’ultima partita di un 2017 da record per il Napoli. Per affrontare la squadra di Zenga, Sarri deve fare a meno dello squalificato Mario Rui, schiera Maggio sulla destra dirottando Hysaj sulla mancina.

Il match comincia e i padroni di casa danno l’idea di non voler recitare il ruolo dello sparring, tenendo bene il campo nonostante il pallino del gioco sempre nelle mani del Napoli. Fatto sta che per 15 minuti tanta supremazia degli azzurri ma nessuna palla gol.

Alla prima occasione però la squadra di Sarri fa subito centro. Hamsik al limite dell’area va da Allan che finta il tiro e ritorna dal capitano, controllo e diagonale sinistro che fulmina Cordaz. 117. 1-0.

Il gol ha come effetto quello di accentuare la supremazia del Napoli che arriva nell’area del Crotone con la stessa frequenza con la quale viene pubblicato un post “metti mi piace e condividi” su Facebook. Però manca sempre l’ultimo passaggio. Al 26esimo è provvidenziale un intervento difensivo di Martella che anticipa di un soffio Callejon pescato magistralmente da Insigne a pochi passi dalla porta.

Al 35esimo Allan dalla destra in area per Callejon che fa il velo per Insigne, anche se Insigne non si deve sposare. Sul destro di prima intenzione di Lorenzo dal dischetto Cordaz si supera e manda in angolo.

Minuto 38 giro di destro di Mertens alto. Minuto 40 punizione di Mertens fuori di poco. Mantien’ mman’ Mertens, nun te preoccupà prima o poi trase.

Finisce il primo tempo.

La seconda frazione si apre con un tiro di Insigne che finisce a Malta.

Al 51esimo il Crotone arriva per la prima volta seriamente dalle parti di Reina con Stoian che porta palla fino al limite e fa partire un destro che esce di poco. Risponde Insigne 5 minuti dopo ma chiude troppo la traiettoria con un diagonale sinistro dalla sua mattonella.

Al 61esimo una leggerezza, pe’ nun dicere ‘na strunzata, di Reina regala il pallone a Trotta e lo mette in condizione di calciare quasi a porta vuota, è bravo però lo stesso Reina a rimediare.

Un minuto dopo Insigne stampa la traversa con un perfetto giro, la palla rimbalza sui piedi di Callejon che controlla e calcia di sinistro trovando la risposta di Cordaz.

Minuto 67 primo cambio per Sarri che manda in campo Zielinski per Insigne.

Al 72esimo Hamsik fa l’Insigne, movimento verso il fondo sulla sinistra, sterzata e tiro forte sul secondo palo, l’estremo di Zenga ci mette i pugni.

Secondo cambio per il Napoli al 78esimo. Entra Diawara esce Jorginho.

Subito dopo uno sciuliamazzo in disimpegno di Albiol mette il pallone sui piedi di Crociata che avanza verso la porta e impegna Reina che vola a deviare in angolo.

Una punizione di Mertens da buona posizione viene sporcata dalla barriera e finisce in angolo al minuto 83.

All’87esimo una chiandella improvvisa di Diawara fa urlare al gol, Cordaz vola all’incrocio e strozza la possibile esultanza.

A due più recupero dal termine Sarri completa il ventaglio dei cambi inserendo Rog per Mertens.

I 4 minuti di recupero sono solo una dolce attesa verso un’altra importante vittoria.

Chiudiamo un grande 2017.

Vogliamo un grande 2018.

 

 

 

 



Sociologo, fotografo, amante della musica e chitarrista occasionale.
Napoletano “nato in casa”, contagiato da quella bellezza tutta partenopea, contraddittoria e spontanea, che si è trasformata, nel tempo, in incessante ricerca visiva. Per Idea Napoli cura la rubrica “Fuori Cronaca”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *